ABRUZZO
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI V. G.
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
MOLISE
PIEMONTE
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO A. A.
UMBRIA
VALLE D'AOSTA
VENETO
 
MUSEI
Archeologia
Arte
Etnografia
Natura
Scienza e Tecnica
Specializzati
Storia
Territorio
  
MONUMENTI
Edifici Religiosi
Edifici Storici
Fontane
Murales
Opere Tecnologiche
Palazzi e Giardini
Siti Archeologici
Statue
Torri e Campanili
Villaggi
  
MUSEI & MONUMENTI 
 
CONTATTACI 
FORUM 
PREFERITI 
HOME PAGE 

Museo Civico Archeologico
Museo Civico Archeologico
Piazza San Graziano 1
Arona (NO)
Il nuovo percorso espositivo ricostruisce la storia del territorio dall'epoca dei cacciatori del Paleolitico alla romanizzazione: reperti dagli insediamenti del Lagone di Mercurago, della cultura di Golasecca (bicchiere con iscrizione protoceltica della seconda metÓ del VI secolo a.C.), corredi funerari (tomba di Gravellona Toce con un servizio da mensa in ceramica fine, recipienti in vetro, oggetti di ornamento). Inoltre, ceramiche rinascimentali di produzione locale.

Orario Estate: martedý-domenica 16.30-19.30 Inverno: sabato, domenica 15.30-18.30; lunedý-venerdý visitabile a richiesta solo per scolaresche

Informazioni: ( 032248294



Museo Lapidario del Broletto
Museo Lapidario del Broletto
Via Fratelli Rosselli 20
Novara (NO)
Di proprietÓ del Capitolo della Cattedrale di Novara, il museo venne creato nel 1813 e riordinato nel 1928, quando inglob˛ parte delle are, un monumento sepolcrale e una stele provenienti dall'insediamento romano di Suno che vennero collocati nel cortile del Broletto, sotto i portici. Le are erano lasciate dai fedeli come ex voto nel santuario rupestre, cui si sovrappose la pieve di San Genesio. I monumenti risalgono tutti alla metÓ del II secolo d.C. e sono in serizzo, una pietra granitica diffusa nel Novarese.

Orario Lunedý-domenica 8.00-19.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0321623021



Museo Novarese di Arte e Storia - Sezione Archeologica Remo Fumagalli
Museo Novarese di Arte e Storia - Sezione Archeologica Remo Fumagalli
Via Fratelli Rosselli 20
Novara (NO)
Istituito nel 1874, ha sede nel Broletto dal 1935-1940. Comprende una sezione archeologica con manufatti dal Paleolitico all'etÓ del Bronzo, reperti della cultura di Canegrate (XIV-XIII secolo a.C.); della cultura di Golasecca (IX-IV secolo a.C.); armi, corredi funerari e ornamenti celtici (V-I secolo a.C.), romani e longobardi. La seconda sezione artistica e storica espone frammenti lapidei del XIII secolo, dipinti e sculture ottocentesche.

Chiuso lunedý, festivitÓ a eccezione del lunedý dell'Angelo, 25 aprile, 8 dicembre 
Orario Estate: martedý-domenica 10.00-13.00, 16.00-19.00 Inverno: martedý-domenica 9.00-12.00, 15.00-18.00

Informazioni: ( 0321623021



Museo di Storia Naturale Faraggiana - Museo Etnografico Ugo Ferrandi
Museo di Storia Naturale Faraggiana - Museo Etnografico Ugo Ferrandi
Via G. Ferrandi 13
Novara (NO)
Il museo, che ha sede nel palazzo Faraggiana, Ŕ stato costituito nel 1940 grazie alla donazione di Caterina Faraggiana che lasci˛ al Comune la sua collezione di animali esotici imbalsamati, che fino alla sua morte erano conservati nella villa Faraggiana di Meina. A questa raccolta si aggiunsero poi acquisti e donazioni. Nel 1976 tre sale sono state dedicate alla fauna italiana. La sezione etnografica ospita armi congolesi e orientali oltre a una documentazione sugli usi e costumi delle popolazioni eritree, etiopiche e somale donata nel 1889 al Comune dall'esploratore novarese Ugo Ferrandi.

Informazioni: ( 0321627037



Museo Storico Etnografico della Bassa Valsesia
Museo Storico Etnografico della Bassa Valsesia
Via Torre 2
Romagnano Sesia (NO)
Di proprietÓ privata, venne istituito nel 1974 per documentare l'attivitÓ agricola, artigianale, industriale e folcloristica. Tra i circa 4000 oggetti, interessanti i giocattoli, gli strumenti musicali, e una macchina dei pompieri del 1842.

Orario Maggio-settembre: sabato 9.00-12.00; sabato pomeriggio-venerdý visitabile a richiesta Ottobre-aprile: visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0163833483



Museo Archeologico
Museo Archeologico
Via Simonetta 3
Varallo Pombia (NO)
Costituito nel 1969, Ŕ di proprietÓ comunale e ha sede in villa Soranzo. Comprende materiale archeologico dall'etÓ del Ferro (fibule in bronzo, coppe di un corredo funerario) all'epoca romana provenienti da scavi di necropoli situate nel territorio circostante.

Chiuso sabato, domenica 
Orario Lunedý-venerdý 10.00-14.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 032195355



Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari
Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari
Via G. Marconi
Aritzo (NU)
Il museo, che documenta la cultura del territorio del Mandrolisai e della Barbagia di Belvý, si articola in due sezioni: una dedicata ai costumi tradizionali aritzesi, l'altra agli utenzili delle attivitÓ caratteristiche del territorio (agro-silvo-pastorali, artigianali e commerciali) e dei lavori casalinghi, esposti in ambienti accuratamente ricostruiti. Di particolare interesse la documentazione sulla produzione della carapigna, la granita a base di ghiaccio naturale e limone, che gli aritzesi esportavano in tutta l'isola giÓ dal Quattrocento.

lunedý visitabile a richiesta 
Orario martedý-domenica 9.00-13.00, 16.00-19.00

Informazioni: ( 0784629218-0784629223



Museo Archeologico
Museo Archeologico
Via La Marmora
Dorgali (NU)
Espone una raccolta di reperti archeologici provenienti dal villaggio nuragico di Serra Orrios e dai numerosi nuraghi e tombe dei giganti del territorio di Dorgali, oltre a monete, armi e vasellame di origine romana e altomedioevale.

Orario Luglio-agosto: lunedý-domenica 9.00-13.00, 16.30-19.30. Settembre-giugno: lunedý-domenica 9.00-13.00, 15.30-18.30

Informazioni: 
( 078496113 FAX 078496243



Museo Archeologico
Museo Archeologico
Piazza San Nicola
Irgoli (NU)
In una sala del Palazzo Comunale sono esposti reperti archeologici provenienti da numerosi siti del territorio, prevalentemente di epoca nuragica, tra cui un concio di steatite incisa rappresentante figure umane e forme geometriche.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso a offerta
Informazioni: ( 078497401

* museoirgoli@tiscali.it


Museo Speleo-Archeologico
Museo Speleo-Archeologico
Piazza Asproni
Nuoro (NU)
In via di riorganizzazione, verrÓ allestito in una nuova sede, con l'esposizione di reperti archeologici provenienti dal territorio nuorese, in particolare dalla fonte sacra di Sedda Sos Carros e dal tempio a pozzo Su Tempiesu

Informazioni: ( 078438053



Civico Museo Archeologico
Civico Museo Archeologico
Corso Vittorio Emanuele
Oliena (NU)
Vi saranno raccolti reperti archeologici provenienti dal territorio di Oliena, per lo pi¨ di epoca prenuragica, nuragica e romana.

Informazioni: ( 0784280200




Oggetti in ceramica
dal villaggio nuragico di S'Urbale



Figure bronzee dal villaggio nuragico di Abini
Museo Archeologico Comprensoriale
Via Caserma
Teti (NU)
Il museo espone reperti provenienti da tutto il comprensorio Barbagia-Mandrolisai, soprattutto dai villaggi nuragici di Abini, dove dal 1865 ebbero inizio le prime campagne di scavo, e di S'Urbale, in territorio di Teti. Importanti, da Abini, i manufatti bronzei (pugnaletti, spade votive e oggetti cultuali); da S'Urbale i materiali in ceramica che documentano la fondazione, nell'etÓ del Bronzo medio, del villaggio, che fu poi abitato fino alla prima etÓ del Ferro.

Chiuso lunedý 
Orario Martedý-domenica 9.00-12.30, 15.00-17.30

Informazioni: ( 078468120

: www.barbagiamandrolisai.it/teti.html


Museo Diocesano dell'Ogliastra
Museo Diocesano dell'Ogliastra
Via Roma 106
Lanusei (OG)
Il museo, allestito nel 1995 nell'edificio del Seminario Vescovile, espone una raccolta di minerali e fossili e una di reperti archeologici, dalla preistoria al periodo romano, di provenienza sarda, oltre ad oggetti di cultura etrusca e del periodo bizantino che permettono di ricavare un quadro completo della storia dell'Ogliastra. Attraverso l'esposizione di documenti di vario tipo viene ricostruita la storia della diocesi, dalla sua fondazione nell'anno Mille fino ai giorni nostri. Conserva minerali, fossili e reperti archeologici dalla preistoria all'etÓ romana; paramenti, reliquiari, suppellettili liturgiche e i ritratti di tutti i vescovi di Tortoli e Lanusei; monete e medaglie; antichi registri parrocchiali e pergamene; libri rari e preziosi e antiche fotografie. Raccoglie inoltre interessanti manoscritti.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 078242158



Collezione Civica Archeologica
Collezione Civica Archeologica
Via Omodeo 1
Arborea (OR)
Il museo, istituito nel 1930, ha sede nel Palazzo Comunale e comprende una raccolta di reperti proveniente dal territorio di Arborea. Il materiale, catalogato e restaurato di recente, Ŕ di origine nuragica, punica, romana e bizantina. Di particolare interesse, anche perchÚ il pi¨ numeroso, quello di origine romana, proviene da tombe rinvenute in localitÓ S'Ungroni.

Chiuso sabato, domenica 
Orario Lunedý, martedý 10.00-13.00, 15.30-17.30; mercoledý-venerdý: 10.00-13.00

Biglietto: gratis
Informazioni: 
( 078380331 FAX 0783801449



Museo Civico
Museo Civico
Via Tharros
Cabras (OR)
Il museo Ŕ articolato in due sezioni: la prima ricostruisce le fasi dell'insediamento umano nei territori del Sinis dalla preistoria all'etÓ altomedioevale; la seconda espone reperti archeologici prenuragici e fenicio-punici provenienti dagli scavi di Tharros, fondata dai Fenici attorno all'800 a.C. su precedenti insediamenti nuragici, e di Cuccuru Is Arrius.

Chiuso lunedý 
Orario Estate: martedý-domenica 9.00-13.00, 16.00-20.00 Inverno: martedý-domenica 9.00-13.00, 15.00-19.00

Informazioni: ( 0783391999- 0783290636



Antiquarium
Antiquarium
Piazza Cappuccini
Cuglieri (OR)
La collezione, in fase di catalogazione e di restauro, comprende reperti di etÓ preistorica, preromana e romana provenienti dagli scavi di Cornus e capitelli provenienti dagli scavi del centro paleocristiano di Columbaris.

Informazioni: ( 078539623



Museo delle Statue - Menhir
Museo delle Statue - Menhir
Via Amsicora
Laconi (OR)
Il museo, allestito nello storico Palazzo Comunale, Ŕ articolato in sette sale dedicate ai mehir, monolitici a volte giganteschi, con cui i prenuragici rappresentavano divinitÓ o simboli propiziatori. Le statue-menhir provengono da vari insediamenti dell'area di Laconi e documentano la forma di religiositÓ diffusa nel Neolitico in tutta l'area mediterranea. Scolpiti nella trachite locale, si distinguono i menhir protoantropomorfi e antropomorfi asessuati e le statue menhir maschili e femminili. Sono inoltre esposti reperti litici e metallici e manufatti in ceramica a decorazione impressa o sottili graffiti rinvenuti nelle aree circostanti.

Chiuso 1░ lunedý del mese 
Orario Aprile-novembre: lunedý-domenica 9.30-13.00, 16.00-19.30 Dicembre-marzo: lunedý-domenica 9.00-13.00, 16.00-18.00

Informazioni: 
( 0782866216 FAX 0782869102



Raccolta dell'Opera del Duomo
Raccolta dell'Opera del Duomo
Piazza Duomo
Oristano (OR)
Esposta nell'Aula capitolare attigua al duomo, la raccolta comprende paramenti sacri, alcuni del XV secolo, di scuola catalana e italiana, argenterie e oreficerie cagliaritane, genovesi e piemontesi di pregevole valore, dipinti del XVII e XVIII secolo di varia provenienza. Di notevole interesse una collezione di tredici codici miniati del XII secolo.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 078378684 FAX 078370239



Antiquarium Arborense
Antiquarium Arborense
Piazzetta Corrias
Oristano (OR)
Nato nel 1938, dall'acquisizione, da parte dello Stato, della collezione di Efisio Pischedda, avvocato e archeologo, dal 1992 Ŕ allestito nello storico palazzo Parpaglia, ristrutturato appositamente. Si articola in tre sale principali. Nella prima, organizzata secondo i criteri espositivi degli antiquaria dell'Ottocento, vi sono reperti preistorici provenienti sal Sinis, bronzi nuragici, ceramiche etrusche, greche, romane, oltre al materiale di origine fenicio-punica, esposto nella ricostruzione ideale di una tomba fenicia di Tharros; di questa cittÓ, in un grande plastico al centro della sala viene ricostruito l'antico assetto. Nella seconda sala sono esposti tre retabli provenienti da chiese oristanesi: uno di pittore catalano del XV secolo (San Martino), uno di Pietro Cavaro del 1533 (Stigmate di San Francesco) e uno di Antioco Mainas del 1565 (Madonna dei Consiglieri). Nella terza sala, dedicata al periodo giudicale, sono esposte due iscrizioni, della fine del XIII secolo, di Mariano II d'Arborea relative alla costruzione della torre e delle mura della cittÓ.

Orario Lunedý-domenica 9.00-20.00

Informazioni: 
( 078374433- 0783791262 FAX 078374433



Museo Archeologico-Etnografico
Museo Archeologico-Etnografico
Via Nazionale 123
Paulilatino (OR)
Il museo Ŕ allestito nel palazzo Atzori, edificio del XVII secolo. Al piano terra c'Ŕ la sezione archeologica, con reperti da insediamenti preistorici e protostorici del territorio circostante, soprattutto dal complesso nuragico di Santa Cristina. Pannelli, fotografie, cartine topografiche e tematiche svolgono un'importante ruolo didattico. La sezione etnografica occupa il primo e il secondo piano con la ricostruzione di ambienti tipici della casa (camera da letto, camera da pranzo, cucina, cantina) e del lavoro (tessitura, panificazione, produzione del formaggio) della societÓ contadina e pastorale.

Orario Maggio-settembre: martedý-domenica 9.00-13.00, 17.00-20.00 Ottobre-aprile: martedý-domenica 9.00-13.00, 15.30-17.30

Informazioni: ( 078555438



Museo della Tecnologia Contadina
Museo della Tecnologia Contadina
Via Meloni 1
Santu Lussurgiu (OR)
Allestito nel Centro di cultura, il museo Ŕ sorto nel 1976 per documentare la storia e i costumi del Montiferru, arricchendosi, nel tempo, di donazioni private sino ai 2000 pezzi attualmente esposti: macchine, attrezzi e strumenti usati dai contadini e dai pastori, dai carbonai e dagli artigianani, nei lavori femminili (filatura, tessitura, cucito, cucina) oltre ai costumi tradizionali da festa e da cerimonia. E' completato da una raccolta di reperti archeologici dal periodo prenuragico al periodo giudicale provenienti dalla zona.

Orario Visitabile a richiesta

Informazioni: 
( 0783550617- 0783550706 FAX 0783550617



Museo Archeologico Navale Nino Lamboglia
Museo Archeologico Navale Nino Lamboglia
Mongiardino
La Maddalena (OT)
Nel museo sono raccolti i reperti di una nave oneraria romana naufragata nel 120 a.C. presso l'isola di Spargi e altri recuperati nelle acque dell'arcipelago. Una ricostruzione dello scafo della nave, contenente un notevole numero di anfore, documenta gli antichi sistemi di stivaggio, mentre altri oggetti, tra i quali molti della dotazione di bordo, illustrano la vita dei marinai e i metodi di navigazione.

Chiuso lunedý 
Orario Estate: martedý-domenica 9.00-13.00, 15.00-18.30 Inverno: martedý-domenica 8.30-13.30

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0789790660



Museo Civico
Museo Civico
Via Orsini
Bisacquino (PA)
Raccoglie una documentazione completa sulla storia della localitÓ dalla preistoria ad oggi. La sezione archeologica propone reperti neolitici, romani e altomedievali; in quella artistica, dipinti e ceramiche del XVIII e XIX secolo. Interessanti una collezione di armi dal Medioevo all'Ottocento e le ricostruzioni di botteghe e case ottocentesche.

Chiuso sabato, domenica 
Orario Lunedý-venerdý 9.00-13.00; pomeriggio visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 0918351111- 0918351192 FAX 0918352144



Museo Francesco MinÓ Palumbo
Museo Francesco MinÓ Palumbo
Via Roma
Castelbuono (PA)
Il museo conserva le collezioni del medico naturalista Francesco MinÓ Palumbo (1814-1899), comprendenti materiali naturalistici relativi per lo pi¨ all'area delle Madonie e archeologici risalenti al Neolitico. L'attuale sede Ŕ provvisoria, in attesa del trasferimento nell'ex convento di San Francesco.

Chiuso lunedý 
Orario Martedý-sabato 9.00-13.00, 16.00-21.00; domenica-festivitÓ 9.00-13.00, 16.00-20.00

Informazioni: ( 0921676596



Fondazione Culturale Mandralisca
Fondazione Culturale Mandralisca
Via Mandralisca 13
Cefal¨ (PA)
Fondato nel 1886 dal barone Enrico Pirajno di Mandralisca, il museo comprende: la pinacoteca con dipinti dal XV secolo, tra cui il celebre Ritratto di ignoto di Antonello da Messina; una sezione archeologica con reperti provenienti da scavi in localitÓ prossime a Cefal¨ e nelle isole eolie, tra i quali spicca il cratere greco con il Tagliatore di tonno; una sezione numismatica e una scientifica, con una raccolta malacologica dei primi decenni dell'Ottocento.

Orario Agosto: lunedý-domenica 9.00-24.00 Aprile-luglio, settembre: lunedý-domenica 9.00-12.30, 15.30-19.00 Ottobre-marzo: lunedý-domenica 9.30-12.30, 15.30-18.00

Informazioni: ( 0921421547


Trovati: 2907  
Pagina Precedente   1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20   Pagina Successiva
21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60
61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80
81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100
101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117