ABRUZZO
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI V. G.
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
MOLISE
PIEMONTE
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO A. A.
UMBRIA
VALLE D'AOSTA
VENETO
 
MUSEI
Archeologia
Arte
Etnografia
Natura
Scienza e Tecnica
Specializzati
Storia
Territorio
  
MONUMENTI
Edifici Religiosi
Edifici Storici
Fontane
Murales
Opere Tecnologiche
Palazzi e Giardini
Siti Archeologici
Statue
Torri e Campanili
Villaggi
  
MUSEI & MONUMENTI 
 
CONTATTACI 
FORUM 
PREFERITI 
HOME PAGE 

Castello di FÚnis
Castello di FÚnis
FÚnis
FÚnis (AO)
Il castello FÚnis, costruito nelle forme attuali nel XIV secolo da Aimone di Challant e pi¨ volte rimaneggiato, nel 1895 fu restaurato da Alfredo d'Andrale che lo don˛ allo stato. Oggi Ŕ di proprietÓ della Regione. Vi Ŕ conservata una ricca raccolta di mobili, parte dei quali originali dello stesso castello e parte proveniente dalla regione, e numerosi oggetti d'uso domestico. Le pareti del cortile e delle sale sono affrescate da dipinti cinquecenteschi attribuiti alla scuola di Giacomo Jaquerio.

Orario Aprile-settembre:lunedý-domenica 9.00-18.30 Ottobre-marzo: lunedý-domenica 10.00-15.30

Informazioni: ( 0165764263



Museo Parrocchiale
Museo Parrocchiale
Chiesa di San Giovanni Battista
Gressoney-Sant-Jean (AO)
Nel piccolo museo sono conservati argenterie, oggetti liturgici e statue lignee, tra cui una Madonna seduta del XV secolo e un crocifisso ligneo d'accordo trionfale di cultura francese, databile agli inizi del XIII secolo.

Orario Lunedý-domenica 8.00-20.00

Biglietto: gratis
Informazioni: ( 0125355200



Castello d'Issogne
Castello d'Issogne
Issogne (AO)
Il castello d'Issogne, oggi di proprietÓ della Regione, venne fatto costruire nel 1480 da Giorgio di Challant. Nel 1872 fu acquistato dal pittore torinese Vittorio Avondo (1836-1910), che lo restaur˛ completamente con la collaborazione di Alfonso D'Andrale, e in seguito, nel 1907, lo don˛ allo stato. Comprende, oltre all'originale mobilia e arredi d'epoca che permettono di ricostruire l'ambientazione quattrocentesca, numerosi oggetti d'uso domestico.

Orario Aprile settembre: lunedý-domenica 9.00-19.00 Ottobre-marzo: lunedý-domenica 10.00-17.00

Informazioni: ( 0125929373



Museo Parrocchiale di Sant'Orso
Museo Parrocchiale di Sant'Orso
Derby
La Salle (AO)
All'interno della chiesa del XV secolo (parzialmente ricostruita), il piccolo museo d'arte sacra si segnala per alcune opere del XV-XVI secolo: due figurine di vescovo in legno policromo, calici d'argento, oggetti sacri e una cassetta reliquiario in lamina d'argento battuto.

Orario Lunedý-domenica 8.00-19.00

Biglietto: gratis
Informazioni: ( 0165860041



Museo Parrocchiale di Sant'Eustachio
Museo Parrocchiale di Sant'Eustachio
Via Angelin 8- Chesallet
Sarre (AO)
Il museo d'arte sacra si trova all'interno della chiesa fondata dai Bedenettini intorno alla metÓ del'XI secolo e che risale nell'aspetto attuale alla seconda metÓ del XVII. Da segnalare un calice in argento dorato e croci in ottone del XVI secolo, un reliquiario e statue di angeli del XVII.

Orario Lunedý-domenica 9.00-19.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0165257106



Museo Parrocchiale di Saint-Roch
Museo Parrocchiale di Saint-Roch
Mongnod
Torgnon (AO)
Il museo, allestito all'interno della quattrocentesca chiesa ricostruita in forme neogotiche nel 1864, ospita un prezioso Cristo alla colonna in legno scolpito (metÓ del XIV secolo); busti reliquiario in lamina battuta del XIX secolo; si segnalano inoltre il Cristo flagellato e le tre statue che ornavano l'antico altare maggiore (Madonna col Bambino, San Giacomo e San Martino) attribuibili alla bottega di J÷rg Lederer, scultore attivo nella prima metÓ del Cinquecento tra Svevia e Tirolo.

Orario Luglio-agosto: sabato 14.00-19.00; domenica 9.00-19.00 Settembre-giugno: visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0166540241



Pinacoteca Civica
Pinacoteca Civica
Piazza Arringo
Ascoli Piceno (AP)
Istituita nel 1861, la pinacoteca ha sede nel Palazzo Comunale e raccoglie opere di artisti marchigiani o attivi nelle Marche dal XV al XVIII secolo. Da segnalare i disegni di Pietro da Cortona e del Guercino; le opere su tavola di Carlo Crivelli (Madonna col Bambino e Santi) e Pietro Alemanno (Annunciazione), il nucleo di opere di Cola dell'Amatrice (Istituzione dell'Eucarestia), Le stigmate di San Francesco di Tiziano, l'Annunciazione di Guido Reni, dipinti di Luca Giordano (Transito di San Giuseppe), Carlo Maratta e, nella sezione moderna, le opere di Adolfo De Carolis e di Domenico Morelli. Tra le sculture dell'Ottocento, opere di Pietro Canonica, Raffaele Bellianzi, Nicola Cantalamessa. Famoso il piviale di manifattura inglese del XIII secolo, donato da papa Niccol˛ IV alla sua cittÓ natale. Importanti la raccolta di ceramiche marchigiane, toscane e abruzzesi e la liuteria con strumenti ad arco, corda e plettro.

Orario Giugno-settembre: lunedý-sabato 9.00-13.00, 15.00-19.30; domenica, festivitÓ 9.00-12.30, 16.00-19.30. Ottobre-maggio: lunedý-sabato 9.00-13.00; domenica 9.00-12.30. Periodo pasquale e natalizio: lunedý-domenica 9.00-12.30, 16.00-19.30

Informazioni: 
( 0736298213- 0736298282 FAX 0736298238



Museo Diocesano
Piazza Arringo 27
Ascoli Piceno (AP)
Il museo, che ha sede in palazzo Roverella (1532), pertinente al Palazzo Vescovile, conserva sculture, arredi liturgici e argenterie sacre. Da segnalare i dipinti di Pietro Alemanno (Polittico) e Cola dell'Amantide (Ss. Michele, Leonardo, Bernardo, Benedetto), la statua in lamina d'argento di Sant'Emidio, patrono di Ascoli, di Pietro Vannini.

Orario Martedý, sabato 10.00-12.00. Visitabile anche a richiesta solo per gruppi

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0736259901



Galleria d'Arte Contemporanea
Galleria d'Arte Contemporanea
Corso Mazzini 224
Ascoli Piceno (AP)
La galleria, con sede in palazzo Malaspina (XVI secolo), Ŕ stata inizialmente costituita nel 1964 come raccolta di opere grafiche, assumendo poi le caratteristiche di una galleria d'arte contemporanea con opere di vario genere di artisti italiani e stranieri. Comprende, tra tante, opere di Osvaldo Licini, Giuseppe Capogrossi, Gino Severini (Forme astratte), Emilio Vedova, sculture di Carmelo Cappello (Ritmi circolari verticali), di Aldo Cal˛ (Struttura), di Umberto Peschi (Tarlo); xilografie, acqueforti, litografie.

Chiuso lunedý, postfestivi 
Orario Martedý-domenica 9.00-13.00, 16.00-19.00

Informazioni: ( 0736250760



Museo Diocesano di Arte Sacra
Museo Diocesano di Arte Sacra
Piazza Sisto V
Montalto delle Marche (AP)
Il museo Ŕ collocato nel settecentesco palazzo che affianca il Seminario vescovile, oggi sede della Casa del Clero. Conserva preziose opere di oreficeria sacra, tra cui il reliquiario in oro, in argento dorato, smalti, pietre preziose e un cameo donato da papa Sisto V (scuola fiamminga e italiana, XV secolo) quando nel 1570 divenne cardinale di Montalto. Altre opere significative sono la Crocifissione di Desiderio Bonfini, croci astili del XIII-XIV secolo e i plutei provenienti dalla chiesa di San Lorenzo di Montemonaco.

Informazioni: ( 0736828750



Sala Adolfo De Carolis
Sala Adolfo De Carolis
Via G. Garibaldi 38
Montefiore dell'Aso (AP)
La pinacoteca Ŕ stata costituita nel 1960 in seguito alla donazione al Comune delle opere di Adolfo De Carolis (1874-1928) nativo di Montefiore. Vi sono conservati circa cento quadri, i bozzetti a olio degli affreschi per il Salone del Palazzo del PodestÓ a Bologna, il disegno per una vetrata per la villa di Puccini a Torre del Lago e numerose xilografie per I Fioretti di San Francesco.

Orario Maggio-settembre: lunedý-domenica 10.00-12.00, 15.00-20.00. Ottobre-aprile: visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0734938103



Sala Domenico Cantatore
Sala Domenico Cantatore
Via Alighieri
Montefiore dell'Aso (AP)
La raccolta fu donata al Comune dal pittore pugliese Domenico Cantatore (1906-1998), che negli anni Sessanta trascorreva le sue estati nella campagna di Montefiore dell'aso. Comprende numerose incisioni, acqueforti, acquetinte, ceremolli con i soggetti cari all'artista: le figure femminili e maschili e i soleggiati paesaggi del Sud, luminosi di arancio, blu e giallo.

Orario Maggio-settembre: lunedý-domenica 10.00-12.00, 15.00-20.00. Ottobre-aprile: visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 0734938103 FAX 0734938762



Pinacoteca Civica e Gipsoteca Uno Gera
Pinacoteca Civica e Gipsoteca Uno Gera
Corso Vittorio Emanuele II
Ripatransone (AP)
Nel secentesco palazzo Bonomi-Gera la pinacoteca conserva affreschi del XV secolo, tavole di Vittore Crivelli (Madonna col Bambino e Santi) da polittici smembrati, opere di Vincenzo Pagani di Monterubbiano (Madonna col Bambino e i Ss. Michele, Giorgio e Martino), due tele di Giuseppe Maria Crespi, dipinti contemporanei di Periche Fazzini e Remo Brindisi, incisioni, maioliche e porcellane rinascimentali e ceramiche di scuola robbiana. La gipsoteca espone oltre 100 gessi donati nel 1976 dallo scultore Uno Gera.

Orario Luglio, agosto: lunedý-domenica 8.30-13.00, 15.00-19.00, 21.00-23.00. Settembre-giugno: lunedý-sabato 8.30-13.00, 15.00-19.00; domenica 9.30-12.30, 15.00-19.00

Informazioni: ( 073599329



Pinacoteca d'Arte Moderna
Piazza Castello
Avezzano (AQ)
Il castello degli Orsini (1490), poi Colonna, ospita una notevole collezione di opere di arte moderna e contemporanea, tra le quali spiccano un raro Bucranio di Pino Pascalli, Composizione di Saro Mirabella, Futurismo rivisitato di Mario Schifano, Costruzione L3 di Luigi Veronesi, Progetto 1944 di Mauro Sguanci e Composizione di Mauro Reggiani

Chiuso in occasione di manifestazioni e spettacoli 
Orario Lunedý-domenica 8.00-20.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 086323384 FAX 0863501363



Museo Sperimentale d'Arte Contemporanea
Museo Sperimentale d'Arte Contemporanea
Via Paganica
L'Aquila (AQ)
Fondato nel 1993 dagli animatori del Centro multimediale Quarto di Santa Chiara, il museo Ŕ temporaneamente ospitato in palazzo Selli, raccogliendo opere e organizzando mostre permanenti di artisti contemporanei di levatura internazionale, quali ad esempio: Kounellis, Merz, Mattiacci, Mauri, Beuys, Ceroli, Conti, Christo, Fiorillo, Rainaldi e altri.

Chiuso domenica 
Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 086241050



Museo Mazzarino
Museo Mazzarino
Corso Francia
Pescina (AQ)
Il museo Ŕ ordinato nel palazzo Mazzarino, ricostruito dopo il terremoto del 1915 che lo aveva praticamente raso al suolo. Raccoglie, oltre a documenti relativi alla vita politica e privata del cardinale Giulio Mazzarino - che nacque a Pescina nel 1602 e fu dal 1642 alla morte (1661) primo ministro di Francia - anche stampe, arazzi e plastici.

Orario Lunedý, venerdý 8.00-14.00; domenica 9.00-12.00, 15.00-18.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0863842156



Pinacoteca Civica d'Arte Moderna
Pinacoteca Civica d'Arte Moderna
Piazza Garibaldi s.n.c.
Sulmona (AQ)
La pinacoteca, visibile attualmente in un allestimento provvisorio presso il Palazzo dell'Annunziata, Ŕ in via di trasferimento presso la sede definitiva nei locali adiacenti alla chiesa di Santa Chiara. Tra gli autori delle opere esposte si segnalano Naný Tedeschi, Sergio Vacchi, Dino Zuffi, il sulmonese Alfonso Rossetti, Walter Piacesi, Teofilo Patini e Clemente Ochoa.

Informazioni: ( 0864242280- 0864242201



Museo Civico
Museo Civico
Corso Ovidio
Sulmona (AQ)
Il museo ha sede nel Palazzo dell'Annunziata e raccoglie reperti di epoca italica e romana, sezione quest'ultima in via di allestimento e destinata a ospitare resti archeologici del santuario di Ercole Curino, degli scavi di Sulmona cittÓ e di altri siti della conca Peligna. Interessanti sono anche la sezione medievale (lapidi, iscrizioni cristiane, affreschi staccati e dipinti, statue, fregi, elementi architettonici, monete), la sezione dedicata al Tesoro della Santissima Annunziata (calici, croce processionale, reliquiari), al Tesoro della Cattedrale (calici, patene, pastorali) e ad altre oreficerie sacre provenienti per lo pi¨ da chiese di Sulmona e del circondario. Inoltre una collezzione di dipinti rinascimentali e barocchi.

Orario Lunedý-venerdý 9.00-13.00; sabato, domenica 10.00-13.00, 16.00-19.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 0864210216 FAX 086451719



Museo della Confraternita di Misericordia
Museo della Confraternita di Misericordia
Via F.Nenci 13
Anghiari (AR)
Vicino alla chiesa di Badia dedicata a San Bartolomeo apostolo, fondata dai Camaldolesi nel 1104-1105 e rifatta nel 1447, Ŕ la Sala della confraternita di Misericordia, edificio del primo Cinquecento che conserva manoscritti, atti, reliquiari, ambulanze che documentano l'attivitÓ secolare della Confraternita istituita ad Anghiari nel 1348. Da segnalare una raccolta di lettighe.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 0575789577 FAX 0575749250



Museo Statale di Palazzo Taglieschi
Museo Statale di Palazzo Taglieschi
Piazza Mameli 16
Anghiari (AR)
Il rinascimentale palazzo Taglieschi Ŕ sede dal 1957 di un'importante raccolta di frammenti architettonici, sculture, parati e oggetti liturgici, affreschi staccati e dipinti provenienti da chiese ed edifici della cittÓ e della val Tiberina; si segnalano una Madonna lignea policroma di Jacopo della Quercia, una Adorazione dei Magi, Santi e angeli della bottega di Giovanni della Robbia e una NativitÓ, terracotta policroma della bottega di Andrea della Robbia.

Orario Lunedý-sabato 9.00-18.30; domenica 9.00-12.30

Informazioni: 
( 0575788001 FAX 057529850



Galleria Comunale di Arte Contemporanea
Galleria Comunale di Arte Contemporanea
Via Montetini 8
Arezzo (AR)
Costituito dal Comune di Arezzo nel 1962 e in attesa di una sistemazione definitiva nella sede in San Francesco, il museo, che attualmente ha sede in palazzo Sabatini, contiene una ricca collezione di dipinti e opere grafiche della seconda metÓ del Novecento, soprattutto di artisti italiani tra le due guerre (L. Castellani, Maccani, Levi, Paulucci), degli anni Cinquanta-Settanta (Davico, Garino, Coppola, Levi Montalcini), della "Nuova figurazione" anni Sessanta (Berni, Vacchi, Vespignani) fino agli anni Ottanta-Novanta (S.Cardinali, Gadaleta, Habicher, Golba, G.Sani).

Informazioni: 
( 0575377258 FAX 0575377251



Museo Diocesano di Arte Sacra
Museo Diocesano di Arte Sacra
Piazzetta dietro il Duomo 17
Arezzo (AR)
Istituito nel 1950 per raccogliere le numerose opere provenienti dal duomo e da altre chiese della diocesi, presenta pregevoli oggetti d'arte datati dal XIV al XVIII secolo, tele e sculture di scuola toscana, manufatti di oreficeria sacra, paramenti, coralli e libri liturgici. Di particolare importanza, tre crocifissi lignei del Duecento, gli affreschi staccati di Spirello Aretino Annunciazione e Madonna in trono con Santi, una tavola trecentesca di Andrea Nerio e opere di Bartolomeo della Gatta (Madonna in trono tra i Santi Fabiano e Sebastiano) e Giorgio Vasari (stendardi col Battesimo di Cristo e con la Predicazione di San Giovanni).

Orario Giovedý, venerdý e sabato 10.00-12.00. Visitabile anche a richiesta

Informazioni: 
( 057523991 FAX 0575353622



Museo Statale d'Arte Medievale e Moderna
Museo Statale d'Arte Medievale e Moderna
Via San Lorentino 8
Arezzo (AR)
Il museo ha sede dal 1958 nel rinascimentale palazzo Bruni-Ciocchi, detto della Dogana, con cortile quattrocentesco attribuito a Bernardo Rossellino. Conserva un'importante raccolta di maioliche dal Medioevo ai tempi moderni, tra le quali spiccano un bacile cinquecentesco raffigurato San Matteo e una fiasca cinese del Trecento. Molti i dipinti, che abbracciarono un periodo compreso tra XIII e XIX secolo, con opere di Parri di Spinello, Luca Signorelli, Giorgio Vasari, Ludovico Carracci. I macchiaioli toscani sono rappresentati con quadri di Adriano Cecioni, Giovanni Fattori e Telemaco Signorini.

Orario Lunedý-sabato 9.00-19.00; domenica 9.00-13.30

Informazioni: 
( 0575300301 FAX 0575299850



Museo di Casa Vasari
Via XX Settembre 55
Arezzo (AR)
Il museo, istituito nella casa che fu di Giorgio Vasari dal 1540 e da lui decorata, acquistata nel 1911 dallo Stato e aperta al pubblico nel 1955, raccoglie oltre agli affreschi e ai dipinti del Vasari anche un gruppo di opere di maestri toscani del XVI e XVII secolo. L'annesso archivio conserva documenti di alto valore storico, tra cui lettere autografe di Michelangelo, Cosimo I, Pio V e Francesco de'Medici.

Orario Lunedý-sabato 9.00-19.00; domenica, festivitÓ 9.00-13.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 0575300301 - 0575377258 FAX 0575299850



Museo Michelangiolesco
Museo Michelangiolesco
Via del Capoluogo 1
Caprese Michelangelo (AR)
Il museo, allestito nella trecentesca Casa del PodestÓ, dove si ritiene sia nato Michelangelo Buonarroti (1475-1564), conserva arredi, calchi e riproduzioni fotografiche delle maggiori opere del grande artista.

Chiuso lunedý 
Orario Estate: martedý-venerdý 9.30-18.30; sabato, domenica 9.30-19.30. Inverno: martedý-venerdý 10.00-17.00; sabato, domenica 10.00-18.00

Informazioni: ( 0575793912


Trovati: 2907  
Pagina Precedente   1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20   Pagina Successiva
21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40
41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60
61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80
81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100
101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117