ITALIA 
LOMBARDIA
Bergamo
Brescia
Como
Cremona
Lecco
Lodi
Mantova
Milano
Monza e Brianza
Pavia
Sondrio
Varese
 
MUSEI
Archeologia
Arte
Etnografia
Natura
Scienza e Tecnica
Specializzati
Storia
Territorio
  
MUSEI & MONUMENTI 
 
CONTATTACI 
FORUM 
PREFERITI 
HOME PAGE 

Museo Civico Archeologico
Museo Civico Archeologico
Via Circonvallazione 61
Casteggio (PV)
Il settecentesco palazzo Certosa Cant¨ ospita reperti provenienti da donazioni e da scavi effettuati nella zona dell'Oltrep˛, nella necropoli romana di Redavalle (ricostruzione di una tomba) e nel territorio del Comune di Casteggio, la romana Clastidium. Tra questi, significativi per tipologia sono una lente di ingrandimento e un fuso da telaio in avorio del II secolo d.C., un bicchiere a calice (III-IV secolo d.C.) e una testina celtica. Interessanti le collezioni di fossili e minerali raccolte nelle sezioni naturalistiche.

Informazioni: ( 038383941



Museo Archeologico Lomellino
Museo Archeologico Lomellino
Piazza Castello
Gambol˛ (PV)
Il museo Ŕ ubicato nel castello Beccaria Litta e sede attuale del Comune. Raccoglie materiali di scavo rinvenuti nel territorio dal 1972 a oggi e che datano dal Mesolitico recente (5500-4500 a.C.) fino al III secolo d.C. Sono presenti corredi tombali, gioielli, armi, monete, vetri e terrecotte.

Orario Domenica 15.00-18.00. Visitabile anche a richiesta

Informazioni: 
( 0381938256 FAX 0381930781



Mostra Archeologica e Naturalistica Ugo Fantelli
Mostra Archeologica e Naturalistica Ugo Fantelli
Via Massazza 7
Mede (PV)
Il museo, ordinato dei locali del Centro culturale polivalente, raccoglie in quattro sezioni tematiche (minerali, conchiglie, fossili, strumenti litici) la collezione Fantelli, ricca di reperti archeologici rinvenuti in Lomellina e materiale paleontologico nordafricano.

Chiuso venerdý, domenica 
Orario Lunedý-giovedý 15.00-18.00; martedý, giovedý 10.00-12.00, 15.00-18.00; sabato 9.00-12.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0384820163



Musei Civici
Musei Civici
Viale XI Febbraio
Pavia (PV)
Il Castello visconteo, fondato nel 1360 da Gaeazzo II, ospita importanti nuclei museali. Le raccolte archeologiche ordinano materiali provenienti da scavi effettuati soprattutto in Lomellina e riferibili all'epoca romana (monumenti funebri, vetri, bronzi e cippi), oltre alla raccolta egizia. Nel museo di scultura trovano spazio opere di epoche differenti, dai sigilli tombali di dignitari e re longobardi alle importanti tracce del romanico lombardo, come i resti architettonici, capitelli, fregi e portali provenienti dalla doppia cattedrale di Santa Maria del Popolo e di Santo Stefano, andata distrutta. La pinacoteca Ŕ dedicata al marchese Luigi Malaspina cui si deve l'origine delle raccolte (1833); tra le opere pi¨ significative vanno ricordati un Ritratto d'uomo di Antonello da Messina, la Pala Bottigella di Vincenzo Foppa, il Cristo seguito dai Certosini del Bergognone. In una sala Ŕ esposto il modello ligneo del duomo di Pavia, eseguito tra il 1497 e il 1519 da Gian Pietro Fugazza in parallelo con il lavoro degli architetti costruttori della cattedrale. Il Museo del Risorgimento espone cimeli, armi, materiali iconografici che riquadrano le imprese garibaldine e in particolare i fratelli Cairoli.

Chiuso lunedý 
Orario Martedý-domenica 9.00-13.30

Informazioni: 
( 038233853- 0382304876 FAX 0382303028



Civico Museo Naturalistico Ferruccio Lombardi
Civico Museo Naturalistico Ferruccio Lombardi
Via Emilia 29 - Casamassimini
Stradella (PV)
E' sorto nel 1979 per iniziativa del Comune e di un gruppo locale di ricerca e raccoglie reperti archeologici preistorici e di etÓ romana; fossili di mammiferi vissuti nel Pleistocene e rinvenuti nel letto del Po. Sono presenti anche sezioni di geologia, con rocce tipiche del territorio, e di botanica (specie legnose dell'Oltrepo, funghi). Per mezzo di diorami, sono riconosciuti gli ambienti tipici del territorio, l'area fluviale e il bosco collinare e montano.

Orario Lunedý 10.00-13.00; mercoledý, venerdý 15.00-18.00; sabato 9.00-12.00

Informazioni: ( 038542069



Museo del Tesoro del Duomo
Museo del Tesoro del Duomo
Piazza Sant'Ambrogio 14
Vigevano (PV)
Fondato nel 1962, Ŕ stato inaugurato nel 1968. Il nucleo della raccolta Ŕ costituito essenzialmente dalla donazione fatta dal duca Francesco II Sforza nel 1534 in occasione dell'istituzione della diocesi di Vigevano. Sono esposti codici miniati, oreficerie, arredi sacri e oggetti liturgici. Di gran pregio una pace in argento dorato di bottega lombarda e gli arazzi in parte di manifattura fiamminga, in parte confezionati a Vigevano dall'arazzeria Trivulzio.

Chiuso 16 dicembre-14 gennaio 
Orario 15 gennaio-15 dicembre: domenica, festivitÓ 15.00-18.00

Informazioni: 
( 0381690370 FAX 0381690499



Museo delle Opere di Regina Cassolo
Museo delle Opere di Regina Cassolo
Via Massazza 7
Mede (PV)
Raccoglie le opere della scultrice medese Regina Cassolo (1894-1974), esponente del secondo futurismo e del Movimento Arte Concreta. Sono esposti circa 400 lavori su carta e tela e una quarantina di sculture, realizzate in marmo, bronzo, plexiglass, alluminio, latta.

Chiuso venerdý, domenica 
Orario Lunedý-giovedý 15.00-18.00; martedý, giovedý 10.00-12.00, 15.00-18.00; sabato 9.00-12.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0384820163



Museo Civico
Museo Civico
Piazza Monsignor Dughera
Mortara (PV)
Nella sezione musicale sono raccolti materiali provenienti dalla Civica scuola musicale, dall'orchestra del Teatro Comunale, svariati spartiti e strumenti musicali, tra cui un violoncello datato 1747. Nella pinacoteca sono raccolti dipinti di pittori locali di inizio Novecento.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 038490465- 038498106



Fondazione Sartirana Arte
Fondazione Sartirana Arte
Piazza L. da Breme 4/6
Sartirana Lomellina (PV)
Il trecentesco Castello Visconteo Ŕ sede della Fondazione Sartirana Arte, che allestisce a rotazione l'esposizione di varie collezioni divise in tre sezioni: argenti e oreficeria contemporanei, realizzati da artigianali della zona; esemplari di arte tessile regionale e internazionale; grafica con incisioni, litografie e serigrafie di autori contemporanei (Alberto Burri, Fausto Melotti, Graham Sutherland). Inoltre sono raccolti circa ottocento oggetti di cultura materiale contadina.

Orario Sabato 9.00-12.00; domenica 14.30-18.30 Visitabile anche a richiesta

Informazioni: 
( 0384800804 FAX 0384800748



Museo Contadino
Museo Contadino
Villa Illibardi
Montalto Pavese (PV)
Realizzato nel 1981 con la collaborazione degli abitanti, occupa un ampio spazio annesso alla chiesa parrocchiale. Vengono esposti antichi attrezzi agricoli ed enologici usati per la coltivazione del grano e dell'uva, utensili di cucina e artigianali (strumenti di fabbri, falegnami, ciabattini, sarti); ogni pezzo Ŕ catalogato con il nome dialettale e quello italiano.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 038387012- 0383870222



Museo di Arte e Tradizione Contadina
Museo di Arte e Tradizione Contadina
Via C.Battisti 5
Olevano di Lomellina (PV)
Ubicata all'interno di una azienda agricola, la raccolta si compone di circa 1500 pezzi, tra cui oggetti e utensili usati dai contadini della Lomellina, soprattutto nell'allevamento dei bovini e di maiali, macchine agricole dalla fine dell'Ottocento al 1950. Particolarmente interessanti le ricostruzioni dei tipici ambienti rurali: la stalla, le botteghe artigiane, la casa contadina.

Chiuso lunedý-venerdý 
Orario Sabato, domenica, festivitÓ 15.00-18.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: 
( 0381690370 FAX 0381690494



Museo Civico di Arte Contadina
Museo Civico di Arte Contadina
Piazza Castello
Romagnese (PV)
Inaugurato nell'agosto 1997, il museo raccoglie nell'ala superstite della rocca dei Dal Verme (XIV-XV secolo), e sede del Comune, la ricostruzione della cucina e della toeletta, strumenti degli artigiani, oggetti ed attrezzi di uso contadino che testimoniano la vita quotidiana delle piccole comunitÓ dell'alta valle del Tidone.

Orario Sabato, domenica 10.00-12.00 Visitabile anche a richiesta

Biglietto: Ingresso a offerta
Informazioni: 
( 0383580588 FAX 0383580484



Museo Contadino della Bassa Pavese
Museo Contadino della Bassa Pavese
Via Roma 4
Santa Cristina e Bissone (PV)
Situato nel Palazzo del Municipio, espone attrezzi agricoli utilizzati dai contadini della zona e gli utensili delle attivitÓ artigianali connesse alla vita rurale: il fabbro-maniscalco, il sellaio, il cestaio, il falegname.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 038270554- 038270121- 038271351



Museo di Paleontologia e Scienze Naturali
Museo di Paleontologia e Scienze Naturali
Via A. Gramsci 1
Voghera (PV)
Sorto nel 1974 per iniziativa del Gruppo geopaleontologico vogherese, Ŕ stato inaugurato nel 1975 nella ex caserma di cavalleria Vittorio Emanuele II, progettata nel 1858 da Paolo Cornaro. Il materiale, esposto con criteri didattici, riguarda la mineralogia, la geologia e la paleontologia e illustra le trasformazioni subite nelle varie ere geologiche: fossili di vertebrati del Quaternario dalle sabbie alluvionali del Po, conchiglie marine del Pliocele dalla zona precollinare di Volpedo, Salice Terme e Codevilla, alghe calcaree, denti di squalo, pettinidi del Miocene da San Ponzo, legni fossili del Cretacio da Zavatarello e Massinigo.

Orario Visitabile a richiesta

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 038343053



Museo per la Storia dell'UniversitÓ di Pavia
Museo per la Storia dell'UniversitÓ di Pavia
Strada Nuova 65
Pavia (PV)
Comprende sezioni di medicina e fisica che testimoniano la ricerca e la didattica scientifica tra fine Settecento e Novecento dell'universitÓ pavese. Nelle tre sale della sezione di medicina intitolate all'anatomico Antonio Scarpa (1752-1832), al patologo chirurgo Luigi Porta (1800-1875) e all'istologo e patologo Camillo Golgi (1843-1926) sono raccolti cimeli, manoscritti, strumenti chirurgici, preparati anatomici, cartelle cliniche e documenti. Tra i preparati, sono da segnalare quelli realizzati da Scarpa per il Gabinetto anatomico e quelli relativi allo studio del sistema nervoso per il quale fu assegnato a Golgi il premio Nobel nel 1906. Nella sezione di fisica, il museo conserva numerosissimi strumenti di meccanica, aerologia, idrologia, acustica, ottica, elettrologia, termologia e meteorologia; il nucleo originario della raccolta comprende gli strumenti costituiti da Alessandro Volta, chiamato ad insegnare presso l'ateneo nel 1778, e dai suoi successori.

Orario Lunedý 15.30-17.00; venerdý 9.30-12.30

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 038229724



Museo di Storia e CiviltÓ agricola - Museo Lombardo del Vino
Museo di Storia e CiviltÓ agricola - Museo Lombardo del Vino
Via Castello
Chignolo Po (PV)
Il museo ha sede nel castello Cusani Visconti, costituito in forme medievali del Settecento. Compongono il percorso di visita la cucina, l'armeria, alcune sale affrescate e con arredi, gli alloggi dei famuli, le scuderie e i magazzini. Nella sala dei torchi Ŕ allestita un'esposizione enologica, con bottiglie e antiche attrezzature per la produzione del vino.

Chiuso agosto 
Orario Sabato 14.00-18.30; domenica 9.30-12.30, 14.30-18.30. Visitabile anche a richiesta per gruppi

Informazioni: ( 0382766653



Collezione Privata Mariano DallapŔ e figlio
Via Mazzini 14-16
Stradella (PV)
Raccolta dei preziosi esemplari prodotti dal trentino Mariano DallapŔ, inventore nel 1876 della fisarmonica diatonica a cassetta, evoluzione dell'organetto austriaco. Oltre alle fisarmoniche antiche, sono esposti anche modelli classici e moderni, realizzati come un tempo in maniera artigianale, nel laboratorio e che hanno reso famoso nel mondo il nome di Stradella.

Chiuso sabato, domenica 
Orario Lunedý-venerdý 8.00-12.30; 14.00-17.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 038548627



Museo della Calzatura Pietro Bertolini
Museo della Calzatura Pietro Bertolini
Corso Cavour 82
Vigevano (PV)
Ospitato in palazzo Crespi e inaugurato nel 1972, il museo Ŕ dedicato al pi¨ tradizionale prodotto delle manifatture del territorio vigevanese. Raccoglie circa mille modelli storici originali o riprodotti di calzature usate dal XV secolo (stivali da postiglione del Seicento, pantofole veneziane del Settecento, scarpe da ballo dell'Ottocento), appartenute a personaggi illustri come beatrice d'Este e papa Pio XI. Vengono esposti inoltre i modelli di scarpe in uso in tutto il mondo e gli strumenti del ciabattino.

Chiuso 16 dicembre-14 gennaio 
Orario 15 gennaio-15 dicembre: domenica, festivitÓ 10.30-12.00, 15.00-18.00

Informazioni: 
( 038170149 FAX 0381690494



Museo Storico di Voghera
Museo Storico di Voghera
Via Gramsci 1 bis
Voghera (PV)
Fondato nel 1971 per iniziativa dell'Associazione nazionale del fante di Voghera, Ŕ ospitato nell'ex caserma di cavalleria Vittorio Emanuele II, esempio ottocentesco di architettura militare. Di proprietÓ civica dal 1977, Ŕ diviso in sale, ognuna dedicata a un'arma o a un corpo delle Forze armate italiane e straniere. Raccoglie cimeli e documenti, medaglie, armi e uniformi dal XIX secolo a oggi. Da segnalare le ambulanze del periodo risorgimentale, le cartoline e i calendari militari, le medaglie e le decorazioni militari e civili.

Orario Visitabile a richiesta domenica 10.00-12.00

Informazioni: 
( 038343636 FAX 038343403



Ecomuseo della Roggia Mora
Vigevano (PV)
il "Mulino di Ludovico il Moro quando Leonardo era a Vigevano" sorge sulla Roggia Mora di Vigevano (PV) di proprietÓ attuale dell'Associazione Irrigazione Est Sesia, Ŕ un edificio risalente al XV secolo che recentemente Ŕ stato oggetto di interessanti lavori dý restauro e di riqualificazione funzionale nell'ambito di un progetto pi¨ generale di valorizzazione paesaggistico della rete irrigua chiamato "Eco-Museo della Roggia Mora".

La struttura, decisamente suggestiva, e offre al visitatore un percorso museale unico nel suo genere sui temi del ruolo delle acque nella costruzione del paesaggio agrario lomellino.

Oltre al Mulino, l'area di Mora Bassa Ŕ impreziosita da una sala-convegni che domina un ampio giardino dove sono stati raccolti e ricostruiti numerosi manufatti idraulici che rappresentano i diversi metodi, antichi e moderni, per la misurazione della portata dei canali (bocca magistrale milanese, bocca a stramazzo "Cavour", e bocca americana).

Oggi nel Mulino della Roggia Mora si ha l'occasione - unica - di effettuare la misura di una portata d'acqua manovrando i diversi tipi di misuratori; ognuno avrÓ quindi la possibilitÓ di cimentarsi nei difficile ruolo di erogatore, distributore e misuratore di prefissati quantitativi d'acqua.

In prossimitÓ dei boschi vigevanesi prospicienti il fiume Ticino, il Mulino di Mora Bassa rappresenta per studiosi e visitatori uno spazio privilegiato ove sostare e sperimentare, ma anche una "scuola dell'acqua" che partendo dal passato pu˛ aiutare a comprendere meglio il futuro di questa rara risorsa.





Trovati: 20