Visualizza Tutto
Sagre & Tradizioni
 
CONTATTACI 
FORUM 
PREFERITI 
HOME PAGE 
     DATI TERRITORIO     NOCERA TIRINESE  CZ 
 Regione: Calabria   Provincia: Catanzaro 
 Popolazione: 4.706   Altitudine: 240 metri slm  Zona Climatica: C
  Latitudine: 39 02' 07" N    Longitudine: 16 09' 39" E 
 
     SAGRE & TRADIZIONI     NOCERA TIRINESE  CZ 
Festa dei vattienti
Nocera Tirinese (CZ)

Sabato santo

L'inizio comune a molte altre celebrazioni simili: una statua raffigurante la Madonna che tiene fra le braccia il Cristo morto esce dalla chiesa, seguita dai fedeli e dalla banda musicale. E' sorretta da uomini vestiti di bianco e con la testa cinta da una corona di spine ed preceduta da un'alta croce che avanza con solenne lentezza. Ogni tanto si ferma davanti a edicole e davanti alle chiese, all'interno delle quali sono stati allestiti i Sepolcri. Poi, all'improvviso, la folla si apre, tutti guardano in un punto lontano da cui provengono velocissimi due uomini scalzi legati fra loro da una corda. Uno vestito di nero, l'altro di rosso e impersona l'Ecce Homo.
Giunti davanti alla statua i due si fermano. A questo punto quello dei due che vestito di nero mostra un pezzo di sughero (il cardo) nel quale sono confiscati tredici frammenti di vetro e inizia a percuotersi le gambe. Il sangue comincia a uscire dapprima lentamente, poi pi copioso. Qua e l tra la folla altri penitenti (vattienti) lo imitarono.
Sulle ferite di tanto in tanto viene versato vino misto ed acero che serve a disinfettare, ma anche a impedire che si rimarginino. Ogni vattiente si prepara a questo impressionante rituale con cura meticolosa: la vestizione ha luogo in una stanza dove hanno accesso solo gli amici e i parenti di sesso maschile. Egli indossa una maglietta nera e i corti pantaloncini che lasciano scoperte le cosce, una volta vestito immerge le mani in un pentolone in cui stata bollita acqua e rosmarino e con tale infuso si lava le gambe.
Poi comincia a battersi le membra con le mani, dapprima lievemente, poi con maggior forza per far affluire il sangue. A questo punto entrano in scena gli strumenti di flagellazione, la rosa e il cardo. La rosa un panno che serve per raccogliere il sangue colato e il cardo per battersi le gambe. Completano il rito i vattienti rientrano nelle loro case, dove con impacchi di acqua e rosmarino arrestano le emorragie.



Trovati: 1  
  Pagina Precedente