Visualizza Tutto
Musei & Monumenti
Mercatini
Sagre & Tradizioni
 
CONTATTACI 
FORUM 
PREFERITI 
HOME PAGE 
     DATI TERRITORIO     TAGGIA  IM 
 Regione: Liguria   Provincia: Imperia 
 Popolazione: 12.908   Altitudine: 39 metri slm  Zona Climatica: C
  Latitudine: 43░ 51' 37" N    Longitudine: 7░ 51' 01" E 
 
     MUSEI & MONUMENTI     TAGGIA  IM 

Pinacoteca del Convento dei Padri Domenicani
Pinacoteca del Convento dei Padri Domenicani
Piazza Beato Cristoforo 6
Taggia (IM)
Il museo, di proprietÓ dell'ordine dei Domenicani, si sviluppa nell'ex dormitorio dei conversi, all'interno del quattrocentesco convento. Tra le opere si segnalano alcuni frammenti di polittici di Francesco e Lodovico Brea, una cassapanca lignea del XVI secolo, alcuni codici miniati, incunaboli e una tela raffigurante l'Incoronazione della Vergine di Gioacchino Assereto. La chiesa Ŕ inserita nel percorso museale: presenta all'interno una straordinaria concentrazione di opere di Lodovico Brea, tra cui si segnala il Polittico della Misericordia sull'altar maggiore, e dipinti del Malosso, dell'Orbetto e di Gregorio De Ferrari.

Orario Lunedý-domenica 9.30-12.00, 15.30-18.00

Biglietto: Ingresso gratuito
Informazioni: ( 0184476254


     MERCATINI     TAGGIA  IM 
Vecchi oggetti e CuriositÓ, Collezionismo
Taggia (IM)
sabato ad Arma di Taggia in Viale delle Palme e la domenica a Taggia in Via Soleri

La 3░ fine settimana 

Informazioni:
Comune di Taggia
( 0184/476222
     SAGRE & TRADIZIONI     TAGGIA  IM 
Festa di Maria Maddalena
Festa di Maria Maddalena
Taggia (IM)

Domenica seguente il 22 luglio

La sera precedente la festa i membri della confraternita detta Compagnia dei maddalenanti (tutti di sesso maschile) salgono a piedi o a dorso di mulo verso un eremo sperduto tra i boschi distante circa tre chilometri dalla cittadina. Qui passano la notte banchettando, bevendo vino, cantando e scherzando e poi dormendo su improvvisati giacigli. All'alba li raggiungono le donne e insieme consumano la colazione. Il resto della mattinata viene passato in allegria, si celebra la messa e poi si pranza all'ombra di un pergolato. Nel pomeriggio, al suono di tromba e clarinetto, due membri della confraternita, di cui uno impersona la donna, iniziano la "danza della morte". Dapprima viene mimata una scena d'amore: i due fingono alternativamente di corteggiarsi, ora Ŕ lui a inginocchiarsi ai piedi di lei, ma ne Ŕ rifiutato, ora le parti s'invertono. Improvvisamente la musica diviene tragica, la "donna" si stende su una coperta e si finge morta. Il compagno si dispera e tenta di rianimarla, infine prende un mazzetto di lavanda e con esso inizia a cospargere il capo e il petto della compagna, finchŔ questa improvvisamente si rialza e allora la musica ritorna vivace, quasi sfrenata. I due ballano abbracciati fra gli evviva e i battimani degli spettatori. Non Ŕ difficile vedere in questo rituale il substrato, soltanto parzialmente rivestito di una patina cristiana, di un culto pagano di fertilitÓ.


Trovati: 3  
  Pagina Precedente